Oggi è martedì 21 Maggio - 2024

Malattie rare: ecco cosa c’è da sapere sulle vasculiti CLICCA PER IL VIDEO

martedì 28 Febbraio - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: News ed eventi, Salute, Studio medico, Video

In media per arrivare alla diagnosi di una delle 10mila malattie rare ad oggi conosciute passano 4 anni.

Ecco perché oggi, 28 febbraio, per la Giornata mondiale delle malattie rare abbiamo deciso di trattare le vasculiti con il prof. Salvatore Corrao, Capo Dipartimento Medicina Clinica dell’Arnas “Ospedali Civico Di Cristina Benfratelli” di Palermo.

Il professore ha partecipato alla realizzazione di alcune linee guida nazionali e a diverse ricerche e pubblicazioni scientifiche. Inoltre, il Civico di Palermo è centro di riferimento regionale per le malattie rare.

Le vasculiti

Si tratta di un gruppo ampio ed eterogeneo di rare malattie multifattoriali. A caratterizzarle è un’infiammazione dei vasi sanguigni.

Questo processo di infiammazione, usualmente danneggia la parete interna dei vasi interessati. Inoltre può provocare la formazione di coaguli sanguigni o lo sviluppo di restringimenti e ostruzioni vascolari che limitano l’afflusso di sangue ossigenato ad organi e tessuti.

La loro classificazione

Si dividono in tre gruppi principali sulla base della dimensione dei vasi sanguigni coinvolti: con interessamento prevalente dei grandi vasi, vasi medi e piccoli vasi.

In alcune forme, come la malattia di Behcet e la sindrome di Cogan, la dimensione e la tipologia dei vasi coinvolti possono variare considerevolmente da paziente a paziente.

Corrao, oltre a parlare di diagnosi e nuove cure, sottolinea che: “E’ importante monitorare il paziente per il danno d’organo. Polmone, rene, cuore per primi”.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 15 Maggio – 2024

Crediti bonus per chi si forma sui vaccini: la delibera della Commissione Ecm

martedì 7 Maggio – 2024

Asp Ragusa assume: al via concorso per la selezione di 85 dirigenti medici a tempo indeterminato

martedì 30 Aprile – 2024

Pmrr Missione Salute, Gimbe: “Rispettate scadenze Ue del 1° trimestre 2024, ma Sicilia fanalino di coda”

mercoledì 24 Aprile – 2024

Colpa medica e depenalizzazione, qualcosa si muove. Amato: “Maggiore prudenza nel denunciare” CLICCA PER IL VIDEO