Oggi è mercoledì 21 Febbraio - 2024

Malattie reumatologiche, Provenzano: “Telemedicina integrazione fondamentale, ma non sostitutiva a visita” CLICCA PER IL VIDEO

lunedì 29 Maggio - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: News ed eventi, Telemedicina, Video

La Società Italiana Reumatologia ha avviato un’interlocuzione con l’ISS, e gli altri attori coinvolti, per usare la telemedicina nella gestione dei pazienti.

Le malattie reumatiche sono oltre 150 e colpiscono milioni di persone. Se diagnosticate tempestivamente, possono essere affrontate e trattate in modo adeguato con un netto miglioramento della qualità della vita del paziente. Altrettanto importante, però, è anche il follow up e la gestione del paziente.

“La telemedicina è un’integrazione fondamentale del lavoro del medico. La visita “in presenza” non deve giammai essere sostituita. Poter fornire, però, da remoto un aiuto al paziente, almeno in quelle situazioni in cui lo stesso è lontano dal centro reumatologico prescrittore, può scongiurare l’abbandono della cura”.

A sostenerlo è il dottor Giuseppe Provenzano, direttore dell’UOSD Reumatologia dell’Azienda Ospedaliera Villa Sofia – Cervello, nonché segretario generale della SIR.

Sul punto, indicazioni “by design” per costruire sistemi di telemedicina per i pazienti reumatologici, si pone l’attenzione su tre macro-fasi: Diagnostica, Terapeutica e di Follow-up. Per ognuna nel percorso di presa in carico dei pazienti sono state individuate delle subattività, in linea anche con quanto contenuto nei modelli previsti nel PNC (Chronic Care Model)”, sottolinea.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”

mercoledì 31 Gennaio – 2024

Carenza medici, neanche gli stranieri vogliono lavorare nella sanità in Sicilia