Oggi è sabato 22 Giugno - 2024

Insufficienza renale: in dialisi oltre 4mila pazienti in Sicilia, 438 aspettano un trapianto

lunedì 28 Novembre - 2022 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: Innovazione, Salute

Secondo il Registro di nefrologia dialisi e trapianto 2020, sono oltre 4000 i pazienti emodializzati distribuiti nei 116 centri siciliani, con una prevalenza di uomini rispetto alle donne, nella fascia di età compresa tra i 60 e gli 80 anni.

Di questi, 438 sono in lista d’attesa per il trapianto di rene. Dagli studi effettuati è emerso che la qualità di vita dei pazienti sottoposti a trattamento emodialitico dipende in larga misura da un buon funzionamento dell’accesso vascolare, che incide sullo stato psico-fisico, sull’assetto nutrizionale, sull’insorgenza di patologie infettive, sul contesto sociale, sulla riduzione di complicanze quali stenosi e trombosi e, ovviamente, sull’incidenza della mortalità.

A Ragusa Ibla esperti mondiali si sono riuniti al Convegno Nazionale del Gruppo di Progetto Accessi Vascolari della SIN (Società Italiana Nefrologia) e della VAS Chapter (Vascular Access Society) per parlare delle nuove prospettive legate all’accesso vascolare, tecnica fondamentale nelle terapie di emodialisi, attraverso il confronto tra i maggiori esperti del settore a livello mondiale.

La Faculty scientifica costituita da oltre 90 medici – di provenienza internazionale – è stata coordinata a livello locale dal direttore U.O.C. Nefrologia e Dialisi dell’Ospedale Maggiore “Nino Baglieri” di Modica Walter Morale e dal direttore U.O.C. Diagnostica per Immagini e Radiologia Interventistica dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania Domenico Patanè.

Hanno partecipato all’evento, il presidente nazionale della Società Italiana di Nefrologia Stefano Bianchi, il presidente del VAS Italian Daniele Savio, il presidente della società scientifica spagnola del GEMAV – Spanish Multidisciplinay Vascular Access Group e coordinatore del gruppo degli accessi vascolari catalana della Società Spagnola di Nefrologia Ramon Roca-Tey.

All’interno del convegno è stato evidenziato l’impotanza della multidisciplinarietà.

E proprio l’Equipe multidisciplinare gestita da Domenico Patanè e da Walter Morale ha introdotto – a settembre 2019 – per la prima volta in Italia, il sistema di realizzazione EndoFAV con dispositivo a radiofrequenza, procedura percutanea che permette la realizzazione di una fistola artero-venosa necessaria per effettuare emodialisi senza approccio chirurgico vascolare.

A giugno 2022, grazie agli sforzi profusi dall’Asp di Ragusa – che ha investito nello sviluppo di queste nuove metodologie – sono stati i primi nel centro Sud ad avere utilizzato un innovativo sistema per la realizzazione di endoFAV per emodialisi mediante la termoablazione senza radiazioni o mezzo di contrasto, ma solo con l’utilizzo ecografico. In atto sono primi in Italia per numero di pazienti trattati con questa metodica.

La dialisi è un trattamento necessario per migliaia di persone affette da insufficienza renale cronica in cui è irreversibilmente compromessa la funzione renale: «Questi pazienti per sottoporsi al trattamento emodialitico, che rappresenta la terapia salvavita, necessitano di un accesso vascolare efficiente che viene allestito preparando i vasi mediante un intervento di chirurgia vascolare che interessa gli arti superiori – dichiara Domenico Patanè – questo accesso vascolare viene comunemente denominato “fistola” (o FAV), ed è universalmente riconosciuto come l’accesso ideale indicato dalle linee guida come il “gold standard” degli accessi vascolari in dialisi. Numerosi studi dimostrano come la sopravvivenza del paziente in dialisi è condizionata dalla qualità dell’accesso vascolare. Una buona FAV garantisce loro una terapia dialitica efficace secondo gli opportuni standard di qualità depurativa del rene artificiale. Durante l’utilizzo delle FAV in emodialisi si formano frequenti complicanze stenotiche (restringimento dei vasi) che possono determinare il malfunzionamento dell’accesso vascolare. Se le stenosi vengono riconosciute e si interviene in tempo, possono essere facilmente trattate e quindi viene ripristinato il funzionamento della FAV; altrimenti, il vaso rischia di essere compromesso in maniera irreversibile e il paziente potrebbe ritrovarsi in una situazione allarmante per la perdita di tutti i vasi disponibili, e di conseguenza, per l’esaurimento di ogni riserva vascolare idonea per poter sottoporsi ai trattamenti emodialitici».

Grazie a questo: «La Nefrologia Iblea presenta un indice migratorio attivo di attrattività di oltre il 45%, con pazienti provenienti da tutto il territorio siciliano –spiega Morale. Questo dimostra un grande lavoro di squadra all’interno della UOC, e una sinergia nata grazie al proficuo rapporto di tessitura e di coinvolgimento instauratosi con altre specialistiche del territorio, tra cui la Radiologia interventistica del dott. Andrea Boncoraglio, la Chirurgia Vascolare del dott. Andrea Li Destri e l’Emodinamica del dott. Nino Nicosia. Fondamentale supporto è giunto dalla collaborazione interaziendale instauratasi con Domenico Patanè, Direttore della Diagnostica per Immagini e Radiologia Interventistica dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania: collaborazione che ci ha consentito di appartenere al gruppo delle Nefrologie più innovative e di riferimento nel panorama italiano, per la gestione delle complicanze degli accessi vascolari per emodialisi».

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

venerdì 21 Giugno – 2024

Asp Enna: al via il reclutamento di medici in quiescenza

venerdì 21 Giugno – 2024

Sicurezza sul lavoro e prevenzione dei rischi, A Catania si alza il livello di attenzione

giovedì 20 Giugno – 2024

Carriera Medica nel Ssn, Amato: “Dobbiamo lavorare per conservare la vocazione” CLICCA PER IL VIDEO

giovedì 20 Giugno – 2024

Sanità e autonomia differenziata, Cgil: “Subito assunzioni e rafforzare la medicina territoriale” CLICCA PER IL VIDEO