Oggi è giovedì 22 Febbraio - 2024

Ordine dei medici Palermo: Amato incontra i vertici della Feder.S.p.ev

lunedì 22 Maggio - 2023 | di Anna Boccia | Categorie: News ed eventi, Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Palermo

In occasione della prima giornata del 58°congresso nazionale della Federazione sanitari pensionati e vedove (Feder.S.p.ev) titolato “I Pensionati e la Terza Età”, il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo Toti Amato ha incontrato a Villa Magnisi il presidente della Federazione Michele Poerio accompagnato dai vertici e da una delegazione.

Al centro dell’incontro la condivisione di alcuni obiettivi legati al benessere dei professionisti della salute in pensione e delle loro famiglie e alle sfide su cui sono impegnati, dall’accesso alle cure mediche e la previdenza sociale, alla valorizzazione delle competenze professionali acquisite nel corso della loro carriera e la promozione di iniziative capaci di migliorare la qualità della vita in età pensionistica.

Una lunga riflessione anche sull’opportunità di offrire una formazione continua ai professionisti in quiescenza ma ancora in attività per condividere esperienze e competenze con le nuove generazioni di medici. Temi su cui i due presidenti hanno assicurato una stretta collaborazione istituzionale per garantire protezione e benessere di coloro che hanno dedicato la vita alla professione medica e alle loro famiglie attraverso politiche e iniziative destinate a valorizzare il loro prezioso know-how.

Il congresso proseguirà i lavori all’Hotel La Torre di Palermo e chiuderà i lavori domani 22 maggio.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

giovedì 22 Febbraio – 2024

Asp Catania: firma del contratto per 300 operatori

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”