Oggi è mercoledì 22 Maggio - 2024

Autista picchia medico a Palermo, Amato: “Asp e regione si costituiscano in giudizio”

giovedì 15 Giugno - 2023 | di Anna Boccia | Categorie: News ed eventi

“Nessun medico ormai può considerarsi al sicuro sul posto di lavoro”. Lo ha detto il presidente dell’Omceo di Palermo Toti Amato, consigliere del direttivo Fnomceo, appresa la violenta aggressione ai danni di un dirigente medico di Villa delle Ginestre (centro di riabilitazione dell’Asp di Palermo) picchiato ferocemente da un autista dell’Asp il 13 giugno scorso.

Il medico ha riportato gravi i traumi, finito in ospedale con il volto tumefatto e il setto nasale rotto.

L’aggressione dell’autista dell’Asp contro il medico di Villa delle Ginestre, a prima vista, può sembrare un atto folle, ma gli inquirenti chiariranno – prosegue -. Resta la violenza inqualificabile nei confronti di una professionista nell’esercizio delle sue funzioni e i danni fisici, psicologici ed economici drammatici che ne derivano. A lui va la solidarietà dell’Ordine dei medici”.

Un fatto inspiegabile, siamo stati insieme tutto il giorno, poi improvvisamente l’aggressione. Ancora non riesco a comprendere cosa sia successo”, ha spiegato il dirigente alla polizia, che ora indaga sulla vicenda.

Dichiarazioni che per Amato sono il segnale chiaro “di tutta l’insofferenza, l’ansia e la paura che serpeggia tra i sanitari, una miscela pericolosissima”.

L’ordine chiede all’Azienda sanitaria e alla Regione di costituirsi in giudizio insieme all’Omceo come parte lesa.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 15 Maggio – 2024

Crediti bonus per chi si forma sui vaccini: la delibera della Commissione Ecm

martedì 7 Maggio – 2024

Asp Ragusa assume: al via concorso per la selezione di 85 dirigenti medici a tempo indeterminato

martedì 30 Aprile – 2024

Pmrr Missione Salute, Gimbe: “Rispettate scadenze Ue del 1° trimestre 2024, ma Sicilia fanalino di coda”

mercoledì 24 Aprile – 2024

Colpa medica e depenalizzazione, qualcosa si muove. Amato: “Maggiore prudenza nel denunciare” CLICCA PER IL VIDEO