Oggi è venerdì 9 Dicembre - 2022

Nuovo Ccnl all’Asp Ragusa: aumenti per oltre 4mila dipendenti

lunedì 21 Novembre - 2022 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: Lavoro

Nuovo contratto di lavoro per 4.052 dipendenti dell’ASP di Ragusa.

Con una delibera approvata venerdì scorso, la Direzione strategica dell’azienda sanitaria ha recepito il nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL), firmato il 2 novembre dall’Aran e dai sindacati.

Il contratto riguarda il personale dipendente non dirigente del Comparto Sanità, con rapporto di lavoro a tempo determinato e indeterminato.

Nello specifico 2.466 del ruolo sanitario, 12 del ruolo professionale, 1.147 del ruolo tecnico e 427 del ruolo amministrativo.

Il contratto

Prevede la rideterminazione del trattamento economico tabellare, con aumenti medi mensili, previsti dal CCNL, di 175 euro; dall’altro dispone la liquidazione degli arretrati dovuti, per il periodo dal 1° gennaio 2019 al 31 ottobre 2022, da inserire negli stipendi del mese di novembre.

Gli incrementi contrattuali, inoltre, hanno effetto integrale sulla tredicesima mensilità, sul trattamento di quiescenza, sull’indennità premio di servizio e sul trattamento di fine rapporto.

Fra le altre cose, è stata introdotta una revisione del sistema di classificazione del personale, prevedendo cinque aree d’inquadramento, compresa quella ad elevata qualificazione; e una nuova disciplina del lavoro a distanza, con l’obiettivo di ricercare un equilibrio tra l’estensione dei diritti dei lavoratori e la salvaguardia delle esigenze organizzative e funzionali delle Aziende.

 

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

martedì 6 Dicembre – 2022

Ssn, Fnomceo: “100mila medici in fuga, per politica camici bianchi invisibili” CLICCA PER IL VIDEO

domenica 4 Dicembre – 2022

Sanità, il sistema privato precede quello pubblico: i dati Agenas-Aiop

sabato 3 Dicembre – 2022

Policlinico Catania, nasce il Registro regionale dei tumori naso sinusali

venerdì 2 Dicembre – 2022

Policlinico Palermo, nella Breast Unit oltre 450 interventi e 700 biopsie all’anno