Oggi è martedì 23 Luglio - 2024

Concorso per 171 infermieri: Asp Catania approva la graduatoria per la Sicilia orientale

lunedì 20 Novembre - 2023 | di Anna Boccia | Categorie: Lavoro

L’Asp di Catania ha approvato la graduatoria del Concorso di Bacino Sicilia orientale per la copertura di 171 posti di infermiere.

“Esprimo la soddisfazione e l’orgoglio, come Azienda capofila – dice il commissario straordinario dell’Asp di Catania, Maurizio Lanzadi aver messo a disposizione delle Aziende sanitarie del Bacino Orientale uno strumento assunzionale da utilizzare da subito e per i prossimi due anni. È l’ennesimo obiettivo di programmazione regionale che abbiamo raggiunto che, nel caso specifico, si aggiunge alla graduatoria di Bacino per OSS. Rinnovo, insieme al direttore sanitario, Antonino Rapisarda, e al direttore amministrativo, Giuseppe Di Bella, il nostro grazie agli Uffici, alle Commissioni e al personale per il grande lavoro svolto”.

La suddivisione dei 171 posti:

25 posti all’Asp di Catania (azienda capofila)
86 posti all’ARNAS “Garibaldi”
31 posti all’AOU “Policlinico-San Marco” di Catania
12 posti all’AOE “Cannizzaro”
8 posti all’Asp di Enna
9 posti all’AOU “Policlinico” di Messina.

 

I candidati che hanno presentato istanza di partecipazione alla procedura concorsuale sono stati ben 7.938. Per l’Asp di Catania, con le procedure di Bacino, sono stati così complessivamente assunti 143 infermieri, di cui 118 infermieri con mobilità, e 25 con concorso. La graduatoria sarà attiva per 2 anni, per eventuali scorrimenti, e potrà essere utilizzata da tutte le Aziende del Bacino.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

lunedì 22 Luglio – 2024

Medico aggredito in provincia di Enna, l’Omceo si costituisce parte civile

sabato 20 Luglio – 2024

Gestione dello stress in corsia, Di Marco: “Fare briefing e confessare gli errori” CLICCA PER IL VIDEO

mercoledì 17 Luglio – 2024

Lea 2022, Sicilia bocciata per cure e assistenza sanitaria CLICCA PER IL VIDEO

mercoledì 10 Luglio – 2024

Assistenza territoriale, Croce: “Telemedicina fondamentale tanto quanto la presenza fisica del medico” CLICCA PER IL VIDEO