Oggi è martedì 20 Febbraio - 2024

Carenza di farmaci: problema in tutta l’Ue, 1500 sono sostituibili

lunedì 16 Gennaio - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: News ed eventi

Brufen, Nurofen e Moment, mucolitici come Fluimucil, antifebbrili come la Tachipirina, antibiotici come Cefixoral sono alcuni dei farmaci difficili da trovare. Un problema che è arrivato a livelli mai visti neanche in piena emergenza Covid.

Intanto il ministro della Salute Orazio Schillaci ha avviato un tavolo di lavoro permanente, controlli e misure per fermare la carenza di farmaci.

Dei 3000 farmaci individuati mancanti dall’Aifa, 1500 sono sostituibili.

Secondo Marcello Cattani, presidente di Farmindustria “l’Italia è tra i principali produttori di farmaci ma dipende dall’estero per quanto riguarda i principi attivi e il materiale per il packaging. Alcuni paesi stanno investendo moltissimo sulla filiera per rendersi meno dipendenti dalle importazioni. In Italia si è iniziato un processo di localizzazione, ma serve tempo”.

Ma la carenza di farmaci non è solo in Italia. Il ministro della Salute greco Thanos Plevris ha inviato una lettera alla Commissaria europea per la Salute, Stella Kyriakides, chiedendo “una politica centrale a livello dell’Unione Europea per il problema della carenza di farmaci che affligge tutti gli Stati membri dell’Ue”.

Per Plevris: “Il problema è aumentato in tutta l’Unione a causa della riduzione della produzione dovuta alla pandemia di Covid-19, alla crisi energetica, alla guerra in Ucraina e alla riduzione del processo produttivo nei Paesi in cui si trovano le materie prime“.

 

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”

mercoledì 31 Gennaio – 2024

Carenza medici, neanche gli stranieri vogliono lavorare nella sanità in Sicilia