Oggi è giovedì 18 Aprile - 2024

Tumore alla prostata: “Manca integrazione ospedale-territorio”

venerdì 3 Febbraio - 2023 | di Anna Boccia | Categorie: Articoli

Non funziona l’integrazione tra ospedale e territorio nel nostro sistema sanitario specialmente per quanto riguarda il tumore alla prostata che ogni anno, solo in Sicilia, conta 2230 casi ed è il cancro più diffuso negli uomini. Spesso si perde tempo e si devono affrontare liste d’attesa e superare iter amministrativi tra Asp, ospedali, cliniche o centri convenzionati e medici di medicina generale sempre più “burocratizzati”: i pazienti diagnosticati devono ricominciare il percorso di cura una volta indirizzati dal chirurgo o dallo specialista per una determinata terapia. A questo si aggiunge la nota carenza di organici medici e infermieristici e la disomogeneità tra provincie in termini di apparecchiature tecnologiche e strutture con disagi per chi deve spostarsi da una città all’altra. Problematiche e criticità emerse da tempo con grande evidenza anche in occasione della pandemia che ha sviscerato alcune delle falle principali dell’SSN e che adesso possono essere parzialmente risolte dal PDTA, il percorso diagnostico terapeutico assistenziale voluto dall’Assessorato regionale alla salute per facilitare l’utente e offrire prestazioni più veloci e qualificate, grazie alla multidisciplinarietà garantita ab initio. 

Oncologi, urologi, radioncologi, patologi, genetisti, medici nucleari, biologi molecolari, psiconcologi si sono riuniti all’Hotel Federico II di Enna in occasione del terzo appuntamento “Il Carcinoma della prostata oggi… tra percorsi diagnostico-terapeutici corretti e innovatività” promosso dal coordinatore della Rete oncologica siciliana (REOS) Vincenzo Adamo e dal referente della Rete per il PDTA del carcinoma della prostata Nicolò Borsellino e organizzati da Motus Animi, con l’obiettivo di approfondire anche le novità diagnostiche e terapeutiche della patologia.

“Un siciliano ogni 10 ha il rischio teorico di avere una diagnosi di questo tipo nel corso della sua vita – ha spiegato Adamo – dalla nascita agli 84 anni con picchi tra 70 e 74. In Italia nel 2021 contiamo 7200 morti, con una sopravvivenza a 5 anni del 91% e 564mila con questa diagnosi; nel 2020 sono 36mila i nuovi diagnosticati grazie allo screening precoce che consiste nel dosaggio del PSA, esame digitorettale, ecografia prostatica e biopsia sotto guida ecografica”.

Si è fatto il punto anche sul Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale voluto dalla Regione Siciliana per offrire un iter multidisciplinare e di alto livello clinico ai pazienti: “Nella nostra Regione la recente approvazione del Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale – ha evidenziato Borsellino – frutto del lavoro del coordinamento della rete oncologica siciliana, ha portato alla costruzione di una piattaforma web-based, denominata  Prosithe, che sarà presto attiva  e consentirà a tutti i centri di accedere alla scheda registrando gli indicatori del PDTA prestabiliti; la Rete dei Centri Specialistici assicura ai pazienti una cura secondo principi di qualità, dignità, sicurezza, multidisciplinarietà solidarietà e formazione”.

All’incontro hanno preso parte numerosi esperti e illustri relatori: il presidente Ordine Medici Caltanissetta Giovanni D’Ippolito, il presidente Ordine Medici Enna Renato Mancuso, il presidente Ordine Medici Ragusa Carlo Vitali; gli oncologi Domenico Santangelo, Carlo Carnaghi, Stefano Cordio, Stefano Vitello, Gaetano Facchini, Amedeo Cappello, Laura Noto, Daniela Sambataro, Giuseppe Cicero, Carmelo Giorgio Giannitto, Roberto Valenza e Rosalba Morreale; gli urologi Stefania Leone (SIUT), Letterio D’Arrigo (AURO), Sebastiano Cimino (SSCU), Franco Tanasi (UROP), Antonio Lupo, Diego Signorello, Emilio Malacasa, Giovanni Bologna, Sebastiano Condorelli, Francesco Abate; i patologi Filippo Fraggetta, Giuseppe Roccuzzo, Donatella Emmanuele e Giovanni Urrico; il medico nucleare Massimo Ippolito, i radioncologi Carmela Palazzolo, Andrea Girlando, Corrado Spatola, Vincenzo Barone, Rosalba Salvo e Giovanni Cartia; la genetista Alessandra Santoro; la biologa molecolare Simona Vatrano; la psiconcologa Luigia Carapezza e il rappr. Ass. Pazienti EuropaUomo Carmine Scavone. 

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

giovedì 18 Aprile – 2024

Numero unico di emergenza 112: successo per la campagna informativa della Seus rivolta agli studenti

martedì 16 Aprile – 2024

Def, Gimbe: “Nel 2024 aumento illusorio della spesa sanitaria”

domenica 14 Aprile – 2024

Certificati medici nella tutela degli infortuni sul lavoro: intesa tra Omceo Catania, UniCt e Inail

venerdì 5 Aprile – 2024

Risk management, Mannone: “Fondamentale per la qualità dell’assistenza sanitaria” CLICCA PER IL VIDEO