Oggi è sabato 22 Giugno - 2024

Non solo per i sub: l’evoluzione della medicina iperbarica CLICCA PER IL VIDEO

lunedì 19 Giugno - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: News ed eventi, Video

Quando si parla di Medicina iperbarica si pensa subito a soccorso in mare, sub, muta, maschera e pinne.

La camera iperbarica sì, serve per curare le malattie da decompressione, incorse durante un’immersione con l’autorespiratore, ma anche per altre patologie divenute nuove emergenze.

A spiegarci cosa sia la Medicina iperbarica, come funziona la camera iperbarica e quando è necessaria è il dottor Andrea Neville Cracchiolo, Dirigente medico responsabile della camera iperbarica Arnas Ospedali Civico Di Cristina Benfratelli, Unità Complessa 118.

La Società Italiana di Medicina subacquea ed Iperbarica ha suddiviso le patologie urgenti e non urgenti per le quali è determinante l’impiego dell’Ossigenoterapia iperbarica.

Urgenti

  1. Embolia gassosa arteriosa, quali: traumatica e iatrogena (ovvero provocata da manovre mediche);
  2. Malattia da decompressione;
  3. Intossicazioni acute da: monossido di carbonio, cianuri e sostanze metaemoglobinizzanti;
  4. Infezioni acute, quali: gangrena gassosa di origine batterica, da aerobi o da anaerobi dei tessuti molli (sottocute, fascia, muscoli) ad evoluzione necrotica e vasculiti necrotizzanti acute;
  5. Gangrena umida acuta delle estremità nel diabetico;
  6. Lesioni traumatiche: da schiacciamento, sindrome compartimentale, ischemia traumatica;
  7. Sordità improvvisa;
  8. Danni cutanei od ossei provocati da radiazioni;
  9. Patologie retiniche acute.

Non urgenti

  1. Infezioni osteo-articolari, quali: osteoartirite settica, osteomielite acuta e cronica, infezione in sede di protesi in situ o rimossa;
  2. Ferite o piaghe di difficile o lenta guarigione, come nei casi di: insufficienza arteriosa o venosa, diabete, complicanze post-chirurgiche settiche, ustioni termiche o elettriche, decubiti;
  3. Patologie ossee a lento decorso, quali: osteoporosi post-traumatiche (Sudek), ritardi di consolidamento di frattura, osteonecrosi asettica, fratture a rischio, reimpianto di arti o segmenti;
  4. Trapianti cutanei a rischio;
  5. Insufficienze arteriose periferiche;
  6. Patologie retiniche croniche, quali: retinopatia diabetica e pigmentosa, distrofie retiniche (maculopatie degenerative).

Leggi anche

Esclusivo, il 118 come non l’avete mai visto CLICCA PER IL VIDEO

118, il Coordinamento Unico del Servizio di Elisoccorso CLICCA PER IL VIDEO

Elisoccorso: il 118 in volo contro il tempo per salvare vite CLICCA PER IL VIDEO

Servizio 118, corsa contro il tempo in ambulanza: ecco come funziona CLICCA PER IL VIDEO

L’ira di Nettuno non ferma il 118: ecco come funziona il soccorso in mare CLICCA PER IL VIDEO

 

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

venerdì 21 Giugno – 2024

Asp Enna: al via il reclutamento di medici in quiescenza

venerdì 21 Giugno – 2024

Sicurezza sul lavoro e prevenzione dei rischi, A Catania si alza il livello di attenzione

giovedì 20 Giugno – 2024

Carriera Medica nel Ssn, Amato: “Dobbiamo lavorare per conservare la vocazione” CLICCA PER IL VIDEO

giovedì 20 Giugno – 2024

Sanità e autonomia differenziata, Cgil: “Subito assunzioni e rafforzare la medicina territoriale” CLICCA PER IL VIDEO