Oggi è martedì 20 Febbraio - 2024

Intervento Carlo Vitali, Ordine dei Medici di Ragusa

venerdì 18 Marzo - 2022 | di Redazione | Categorie: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ragusa

Un nuovo giornale che parli di salute? Finalmente!! Dico finalmente perché, anche se in realtà il problema esisteva già da prima, la pandemia ci ha fatto capire quando sia “fragile” il sistema dell’informazione nell’epoca dei social. Da tutti arbitri a tutti virologi il passo è stato brevissimo e l’etere è stato così inondato da fake news che hanno, di fatto, alterato la realtà delle cose.

Notizie create ad hoc per ingenerare paure e fobie alimentando teorie fantasiose, tendenziose e pericolose. Smontare questo sistema “drogato” non è certamente semplice, ma noi, rappresentati degli Ordini, abbiamo il dovere di mettere in campo quanto è nelle nostre possibilità per diffondere notizie supportate da tesi scientifiche e volte a dare corrette indicazioni ai cittadini.

Personalmente, da quando sono stato eletto presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della provincia di Ragusa (ottobre 2020), ho lavorato ponendomi proprio l’obiettivo prima indicando rispondendo alle fake news e ai titoli sensazionalistici con dati certi, riscontrabili ed incontrovertibili.

L’auspicio è quindi che questa nuova realtà editoriale possa diventare un punto di riferimento per tutti quei cittadini che hanno sete di notizie vere. Da parte mia, quindi, l’augurio di buon lavoro al direttore e a tutta la redazione consapevole che il loro lavoro consentirà di fornire un servizio utile alla collettività tutta.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”

mercoledì 31 Gennaio – 2024

Carenza medici, neanche gli stranieri vogliono lavorare nella sanità in Sicilia