Oggi è mercoledì 22 Maggio - 2024

SSN in crisi, Amato e Volo: “Salute bene prezioso che deve essere tutelato” CLICCA PER IL VIDEO

venerdì 20 Gennaio - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: Lavoro, News ed eventi, Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Palermo, Video

“Il Servizio Sanitario Nazionale, per come l’abbiamo vissuto noi, è finito. Lo stato oggi non riesce più a ripianare i deficit”

A dichiararlo è il presidente dell’Omceo Palermo, Toti Amato, in una platea gremita per la premiazione di 114 medici con una medaglia d’oro per il 50° anniversario dalla laurea.

“Questo significa che le regioni saranno costrette a tagliare anche i Lea (Livelli essenziali di assistenza) e l’unica via per il cittadino sarà stipulare un’assicurazione privata per curarsi, così come avviene nel sistema sanitario americano – sottolinea -. A quel punto le disuguaglianze di cura, sociali e territoriali saranno sempre più marcate. A rischiare di più saranno la Sicilia e le altre regioni del Sud, dove storicamente il divario rispetto al Nord è netto e certificato dai maggiori istituti, a partire dalla Fnomceo”.

“Ci sono errori storici, ad esempio, la salute che è stata sempre considerata come una spesa, ma la salute è un bene prezioso che deve essere assolutamente tutelato – conclude -. Secondo me, guardare al passato, vedere il presente, deve servire per poter dare dei suggerimenti al futuro”.

La sanità necessita di persone di grande esperienza e fondamentalmente del mestiere, perché chiunque altro non capisce quello di cui si parla. Auguro ai giovani di potere avere grande fiducia nella nella nostra professione“, ha aggiunto l’assessore della Salute Giovanna Volo.

 

 

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 15 Maggio – 2024

Crediti bonus per chi si forma sui vaccini: la delibera della Commissione Ecm

martedì 7 Maggio – 2024

Asp Ragusa assume: al via concorso per la selezione di 85 dirigenti medici a tempo indeterminato

martedì 30 Aprile – 2024

Pmrr Missione Salute, Gimbe: “Rispettate scadenze Ue del 1° trimestre 2024, ma Sicilia fanalino di coda”

mercoledì 24 Aprile – 2024

Colpa medica e depenalizzazione, qualcosa si muove. Amato: “Maggiore prudenza nel denunciare” CLICCA PER IL VIDEO