Oggi è martedì 20 Febbraio - 2024

Quarte dosi e sanità siciliana, Giovanni D’Ippolito: “È importante dare voce a tutti i colleghi, ci affidiamo agli specialisti del settore” CLICCA E GUARDA IL VIDEO

lunedì 2 Maggio - 2022 | di Paola Chirico | Categorie: ECM&EVENTI, Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Caltanissetta

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Con la nascita dell’Osservatorio comunicazione ed economia in sanità (Oces) e di siciliamedica.com, per la prima volta, gli ordini del territorio hanno creato una rete di comunicazione mirata alla condivisione degli obiettivi come garantire ai cittadini il diritto ad una corretta ed uniforme informazione e analizzare lo stato dell’arte della sanità regionale.

A questo proposito parla il presidente dell’Ordine dei Medici di Caltanissetta, Giovanni D’Ippolito: “Ci sono aspettative molto alte da parte di noi presidenti per due ragioni: ormai il cittadino è sempre più consapevole della situazione sanitaria e anche nell’approccio col medico, quindi è necessario informare i cittadini in modo corretto, e poi è importante la possibilità di dare voce ai tanti colleghi che molto spesso operano in periferia e spesso non hanno le stesse possibilità che hanno i colleghi“, afferma il presidente.

Per quanto riguarda la situazione e le quarte dosi: “Come presidente di Ordine, parlando di malattie infettive, mi affido agli specialisti del settore. La quarta dose è iniziata per i soggetti più critici. Noi attendiamo di sapere se questa quarta dose debba essere fatta per tutti come richiamo oppure ci fosse un vaccino che copra le eventuali varianti“, conclude D’Ippolito.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”

mercoledì 31 Gennaio – 2024

Carenza medici, neanche gli stranieri vogliono lavorare nella sanità in Sicilia