Oggi è martedì 21 Maggio - 2024

Tumori naso sinusali: nasce al Policlinico di Catania il Registro regionale

mercoledì 8 Marzo - 2023 | di Anna Boccia | Categorie: News ed eventi

Entra nella fase operativa il nuovo il Registro regionale dei tumori naso sinusali. Il Centro operativo è stato istituito, con decreto dell’Assessorato regionale alla Salute, all’interno del Policlinico “G. Rodolico – San Marco” a Catania.

Il Centro, presentato da appena qualche settimana, avvia ufficialmente le proprie attività partendo da un corso di formazione a numero chiuso per i propri operatori, rappresentanti del registro tumori della Sicilia e referenti delle Asp isolane che si occupano del servizio prevenzione e sicurezza sul lavoro.

Il nuovo registro ha come obiettivo quello di costruire un dataset e realizzare report descrittivi e studi di approfondimento con i dati disponibili. Ciò al fine di stimare l’incidenza dei casi, raccogliere informazioni sulla pregressa esposizione ad agenti correlati al rischio di tumore naso sinusale, valutare la rilevanza della esposizione a fattori di rischio occupazionale e costruire studi analitici ed epidemiologici.

Domani, giovedì 9 e venerdì 10 marzo, i 50 corsisti saranno impegnati in una due giorni in “full immersion” all’Hotel Nettuno di Catania, sul tema “I sistemi di sorveglianza epidemiologica dei tumori professionali: metodi per la ricerca attiva e gestione dell’intervista”.

Relatori saranno professionisti dell’Inail, del Centro Operativo Regionale e del Registro Nazionale Mesioteliomi della Lombardia, dell’Istituto per lo Studio, la Prevenzione e la Rete Oncologica della Toscana, e rappresentanti della Regione Siciliana. L’aggiornamento sarà utile ad agevolare gli operatori nelle attività di ricerca e registrazione dell’incidenza delle attività professionali nella comparsa di tumori come il mesotelioma o i naso sinusali. Questi ultimi, pur rappresentando solo il 4% del tumori testa-collo, hanno una rilevante incidenza tra i lavoratori tanto da essere catalogati tra le neoplasie con maggiore numero di casi di origine professionale, dopo il mesotelioma indotto da amianto.

La formazione di domani e venerdì comprende sessioni sui sistemi della registrazione, sulle modalità operative nell’approccio con i pazienti, sulla sensibilizzazione di questi alla partecipazione e sulla gestione delle situazioni in caso di diniego degli utenti; quindi ci saranno sessioni dedicate alla definizione e classificazione dei casi, con descrizione anche di quelli atipici, e al role-playing in caso di interviste.

La seconda giornata sarà interamente dedicata al Registro Tumori Naso sinusali che riguarda più specificamente il Centro del Policlinico etneo. Verrà in particolare illustrato il nuovo manuale operativo ReNaTuns e verrà presentato il questionario da sottoporre ai pazienti.

Oltre al direttore generale dell’AOUP etnea, Gaetano Sirna, e al direttore sanitario Antonio Lazzara, saranno presenti il dirigente del Servizio 9 Sorveglianza ed Epidemiologia valutativa del DASOE siciliano, Sebastiano Pollina Addario, Margherita Ferrante direttore Unità Operativa Complessa Igiene Ospedaliera, Carolina Mensi del Centro operativo regionale tumori naso-sinusali della Lombardia, Alessandra Binazzi e Michela Bonafede, ricercatrici INAIL, Valentina Cacciarini dell’ISPRO Toscana, Giuseppe Cascone, responsabile del registro Tumori Ragusa-Caltanissetta e del Centro Operativo Registro Tumori Mesiotelioma della Sicilia, Rosalia Ragusa dirigente medico Igienista del Registro Tumori Integrato, Carlo Sciacchitano medico del lavoro del Registro Tumori Integrato.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 15 Maggio – 2024

Crediti bonus per chi si forma sui vaccini: la delibera della Commissione Ecm

martedì 7 Maggio – 2024

Asp Ragusa assume: al via concorso per la selezione di 85 dirigenti medici a tempo indeterminato

martedì 30 Aprile – 2024

Pmrr Missione Salute, Gimbe: “Rispettate scadenze Ue del 1° trimestre 2024, ma Sicilia fanalino di coda”

mercoledì 24 Aprile – 2024

Colpa medica e depenalizzazione, qualcosa si muove. Amato: “Maggiore prudenza nel denunciare” CLICCA PER IL VIDEO