Oggi è giovedì 18 Aprile - 2024

Servizio 118, corsa contro il tempo in ambulanza: ecco come funziona CLICCA PER IL VIDEO

lunedì 5 Giugno - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: News ed eventi, Video

Sono oltre 500 gli interventi del 118 in 24 ore per il bacino Palermo Trapani.

Dopo aver visto cosa succede nella Centrale Operativa 118 ad una richiesta di soccorso tramite contatto telefonico breve, Marco Palmeri, Dirigente Medico 118 Palermo-Trapani, ci spiega l’attivazione dei mezzi terrestri per assolvere alle prestazioni sanitarie necessarie.

Un passo nel passato

I primi mezzi dedicati al trasporto e alla cura dei feriti, risalgono all’esercito dell’Impero romano d’Oriente, nel IX secolo. Fu però nel XIII secolo l’introduzione di un moderno concetto di ambulanza come mezzo adibito al trasporto dei feriti. Il barone Dominique Jean Larrey, chirurgo francese al seguito dell’armata napoleonica, introdusse le prime lettighe trasportate a mano i feriti in campo. La violenza della guerra Civile ha fatto comprendere l’importanza del mezzo di soccorso, e così, vennero introdotte attrezzature mediche, come stecche, pompa gastrica, morfina e brandy per anestetizzare e disinfettare il paziente. Con l’avvento dei motori, una delle prime istituzioni a dotarsi di un’ambulanza a motore fu la Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze che l’11 maggio del 1911 inaugurò il suo primo esemplare.

I mezzi terrestri oggi

A seguito dell’emanazione del DPR 27 marzo 1992, l’emergenza sanitaria sul territorio si è trasformata. Dal semplice invio dell’ambulanza sul luogo dell’evento ed il trasporto del paziente al pronto soccorso più vicino, ad un vero e proprio “sistema di soccorso”.

Oggi vi sono ambulanze ed auto mediche coordinate dalla Centrale Operativa. Una di queste auto mediche è in centrale, in modo che il medico rianimatore in sede possa medicalizzare un eventuale intervento sul territorio.

A seguito dell’emanazione del DPR 27 marzo 1992, l’emergenza sanitaria sul territorio si è trasformata da “servizio” che prevedeva il semplice invio dell’ambulanza sul luogo dell’evento ed il successivo trasporto del paziente al pronto soccorso più vicino, ad un vero e proprio “sistema di soccorso”.

Le ambulanze sono di tre tipi e, insieme alle auto, a bordo vi sono tutti i presidi necessari per immobilizzazione per il trasporto dei traumatizzati, più tutto il supporto necessario per i pazienti ad alto grado di criticità e la farmacologia per trattare le patologie.

Per il bacino Palermo Trapani vi sono 90 mezzi terrestri con, in media, tre operatori a bordo.

Leggi anche

Esclusivo, il 118 come non l’avete mai visto CLICCA PER IL VIDEO

118, il Coordinamento Unico del Servizio di Elisoccorso CLICCA PER IL VIDEO

Elisoccorso: il 118 in volo contro il tempo per salvare vite CLICCA PER IL VIDEO

 

 

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

giovedì 18 Aprile – 2024

Numero unico di emergenza 112: successo per la campagna informativa della Seus rivolta agli studenti

martedì 16 Aprile – 2024

Def, Gimbe: “Nel 2024 aumento illusorio della spesa sanitaria”

domenica 14 Aprile – 2024

Certificati medici nella tutela degli infortuni sul lavoro: intesa tra Omceo Catania, UniCt e Inail

venerdì 5 Aprile – 2024

Risk management, Mannone: “Fondamentale per la qualità dell’assistenza sanitaria” CLICCA PER IL VIDEO