Oggi è mercoledì 22 Maggio - 2024

Sbloccati nuovi Lea: ecco cosa prevedono CICCA PER IL DOCUMETNO E IL TESTO

giovedì 20 Aprile - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: News ed eventi

Intesa in Conferenza Stato-Regioni per garantire l’entrata in vigore dei livelli generali di assistenza (Lea) ed il diritto ad un accesso equo alle prestazioni sanitarie ai cittadini di ogni Regione.

Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, ha annunciato lo sblocco così: “È un segnale fortissimo che va nella direzione di sbloccare le diseguaglianze e si dà diritto a tutti di accedere alle nuove prestazioni”.

Difatti il provvedimento atteso dal 2017.

Le disposizioni di cui al presente decreto entrano in vigore dal 1° gennaio 2024 per quanto concerne le tariffe dell’assistenza specialistica ambulatoriale e dal 1° aprile 2024 per quanto concerne le tariffe dell’assistenza protesica”, si legge nel provvedimento.

L’impatto complessivo della proposta tariffaria risulta pari a 379,2 milioni di euro per la specialistica ambulatoriale e ad euro 23,4 milioni per la protesica, per un totale di 402,6 milioni di euro. Per la copertura di tale fabbisogno verrà utilizzata la copertura già prevista nel DPCM LEA 12 gennaio 2017, pari a 380,7 milioni di euro e, per far fronte ai maggiori costi associati alla presente relazione tecnica pari a 21,9 milioni di euro (€ 21.874.522), quota parte del finanziamento di cui all’articolo 1, comma 288 della legge n. 234/2021.

CLICCA QUI PER VEDERE COSA PREVEDONO I LEA

CLICCA QUI PER IL TESTO COMPLETO

 

 

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 15 Maggio – 2024

Crediti bonus per chi si forma sui vaccini: la delibera della Commissione Ecm

martedì 7 Maggio – 2024

Asp Ragusa assume: al via concorso per la selezione di 85 dirigenti medici a tempo indeterminato

martedì 30 Aprile – 2024

Pmrr Missione Salute, Gimbe: “Rispettate scadenze Ue del 1° trimestre 2024, ma Sicilia fanalino di coda”

mercoledì 24 Aprile – 2024

Colpa medica e depenalizzazione, qualcosa si muove. Amato: “Maggiore prudenza nel denunciare” CLICCA PER IL VIDEO