Oggi è martedì 20 Febbraio - 2024

Riforma rete ospedaliera e territoriale: Giarratano inserito nel tavolo tecnico nazionale

sabato 8 Luglio - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: News ed eventi
Il palermitano Antonino Giarratano è stato inserito nel tavolo tecnico nazionale per la riforma della rete ospedaliera e territoriale. Lo ha stabilito un decreto del ministero della Salute.
La tematica di competenza di Giarratano sarà per l’area medicina perioperatoria, emergenza, terapie intensive e terapia del dolore.
La prima riunione del tavolo tecnico, costituito da 52 componenti e coordinato da Arnaldo Morace Pinelli (capo di gabinetto del ministro della Salute) è fissata per il 20 luglio.

 Chi è Giarratano

E’ professore ordinario di Anestesiologia presso la Scuola di Medicina e Chirurgia di Unipa, direttore della Scuola di specializzazione in Anestesia Rianimazione Terapia Intensiva e del Dolore e presidente eletto della Società scientifica nazionale (SIAARTI) per il mandato 2021-2024.
Dirige il dipartimento di Emergenza Urgenza Auop Giaccone, direttore Uoc Anestesia e Rianimazione e Terapia del Dolore Aou Policlinico Giaccone, responsabile sezione Anestesiologia dipartimento DiCHirOns Università.
Inoltre, è componente del coordinamento regionale Terapia del Dolore e Cure Palliative dell’assessorato alla Salute della Regione, del coordinamento regionale assessorato Regione Sicilia Rete Emergenza Territoriale e Ospedaliera, della commissione ministero della Salute Reti Terapia del Dolore e Cure Palliative, della commissione Scientifica Idoneità Nazionale (2019-2021) ANVUR-Miur, e del comitato tecnico scientifico Emergenza Covid-19 della Regione.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”

mercoledì 31 Gennaio – 2024

Carenza medici, neanche gli stranieri vogliono lavorare nella sanità in Sicilia