Oggi è lunedì 26 Febbraio - 2024

Policlinico Palermo: un nuovo laser per la chirurgia della cataratta

venerdì 9 Febbraio - 2024 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: Innovazione, News ed eventi

Aumentano gli standard di sicurezza e qualità per gli interventi di cataratta al Policlinico di Palermo. Dal prossimo 13 febbraio presso l’Unità operativa di Oculistica, diretta dalla professoressa Vincenza Maria Elena Bonfiglio, entrerà in funzione il nuovo “Femtolaser” per la chirurgia della cataratta.

La patologia

La cataratta è una malattia che causa l’offuscamento del cristallino che in maniera progressiva perde la sua trasparenza compromettendo il visus della persona che ne è affetta. Rappresenta la causa principale di handicap visivo e la terza più comune causa di cecità prevenibile. A soffrirne è il 50% della popolazione tra i 65 e i 74 anni e il 70% degli over 75.

Il fattore di rischio principale è l’età poiché si innesca il processo fisiologico di invecchiamento dell’occhio che porta all’opacizzazione del cristallino. Ma anche le radiazioni luminose, ovvero i raggi ultravioletti, da cui proteggersi.

Tralasciando la predisposizione genetica, ad incidere sulla precoce formazione della catarratta sono il diabete, l’abuso di terapie farmacologiche con cortisone, patologie dell’occhio come le uveiti, il fumo, traumi localizzati, ma anche, nelle donne, la variazione degli ormoni per la menopausa.

Il laser

“L’apparecchiatura innovativa dà la possibilità di scegliere diverse strategie di trattamento a seconda del tipo di cataratta e della tipologia del paziente  e rende alcune fasi dell’intervento più precise e standardizzate. Inoltre, riducendo le manipolazioni e i tempi chirurgici, il laser garantisce un più rapido recupero visivo e minori disturbi per il paziente nel post-operatorio“. A spiegarlo è la professoressa Bonfiglio.

Il laser è, inoltre, dotato di un software che potrà essere applicato alla chirurgia dei trapianti di cornea, garantendo precisione del taglio chirurgico sul ricevente con conseguenti migliori risultati refrattivi.

“La piattaforma, in seguito all’inserimento di alcuni dati da parte del chirurgo, acquisisce le caratteristiche anatomiche dell’occhio del paziente ed emette un raggio di luce laser a femtoscondi (un milionesimo di miliardesimo di secondo) per eseguire automaticamente e con estrema precisione alcune fasi dell’intervento come le incisioni millimetriche sulla cornea, la capsuloressi e la frammentazione della cataratta – prosegue -. Il tutto viene gestito da un software preciso e sicuro che si blocca al minimo movimento del paziente e che viene modulato dal medico in relazione alle patologie dell’occhio da trattare. Il chirurgo completerà l’intervento asportando i frammenti della cataratta e impiantando il nuovo cristallino artificiale”.

Questo nuovo laser è accessibile anche nei presidi ospedalieri pubblici, a Caltanissetta e ad Agrigento. L’intervento chirurgico di cataratta con il laser a femtosecondi è una prestazione che verrà erogata dal SSN, con un ticket pari a quello dell’intervento standard.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

giovedì 22 Febbraio – 2024

Asp Catania: firma del contratto per 300 operatori

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”