Oggi è mercoledì 22 Maggio - 2024

Ospedale di Canicattì, il Pronto soccorso si rifà il look: al via i avori

venerdì 13 Gennaio - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: News ed eventi

Il Pronto soccorso dell’Ospedale “Barone Lombardo” di Canicattì si rifà il look.

Il servizio tecnico dell’Asp di Agrigento ha consegnato le aree di cantiere all’impresa che eseguirà i lavori.

L’intervento permetterà il completo ammodernamento strutturale ed impiantistico dell’area d’emergenza-urgenza dell’ospedale. I lavori saranno eseguiti a fasi  per non interrompere le attività di pronto soccorso.

Tutto l’iter di adeguamento sarà seguito dal servizio tecnico Asp, diretto da Alessandro Dinolfo, il responsabile unico del procedimento è Giuseppe Biancucci, mentre come direttore dei lavori è stato nominato Giuseppe Pecoraro.

“L’affidamento dei lavori per il rifacimento del pronto soccorso di Canicattì – dice soddisfatto Mario Zappia, commissario straordinario Asp Agrigento – rappresenta un obiettivo raggiunto, in linea con l’impegno direzionale per il costante ammodernamento tecnologico e strutturale degli edifici ospedaliari e territoriali di tutta la provincia. L’area di emergenza-urgenza del ‘Barone Lombardo’ accoglie giornalmente una vasta utenza proveniente non solo dal comprensorio canicattinese ma anche da fuori provincia. Siamo certi, al termine dei lavori, di poter consegnare alla collettività un servizio moderno ed accogliente in grado di elevare gli standard di efficienza e sicurezza delle prestazioni erogate”.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 15 Maggio – 2024

Crediti bonus per chi si forma sui vaccini: la delibera della Commissione Ecm

martedì 7 Maggio – 2024

Asp Ragusa assume: al via concorso per la selezione di 85 dirigenti medici a tempo indeterminato

martedì 30 Aprile – 2024

Pmrr Missione Salute, Gimbe: “Rispettate scadenze Ue del 1° trimestre 2024, ma Sicilia fanalino di coda”

mercoledì 24 Aprile – 2024

Colpa medica e depenalizzazione, qualcosa si muove. Amato: “Maggiore prudenza nel denunciare” CLICCA PER IL VIDEO