Oggi è martedì 20 Febbraio - 2024

Malattie croniche rare, Schillaci: “Al lavoro per aggiornare il Piano Cronicità”

mercoledì 14 Dicembre - 2022 | di Anna Boccia | Categorie: News ed eventi

“La pandemia ha rallentato l’adozione di provvedimenti necessari a dare risposte ai bisogni di salute dei pazienti con malattie croniche e rare che non possono più attendere”.

Lo dice il ministro della Salute Orazio Schillaci in merito al 20esimo “Rapporto nazionale sulle politiche delle cronicità”, il quale si impegna” per una rapida approvazione del Decreto tariffe dei Livelli Essenziali di Assistenza e per l’aggiornamento del Piano Nazionale delle Cronicità, a cui sta lavorando la Cabina di regia, per adeguarlo alle innovazioni intervenute durante il Covid e ai cambiamenti previsti nel Pnrr”.

Nell’ottica di una più efficace gestione dei pazienti con malattie croniche, aggiunge il ministro, “reputo cruciale anche l’avanzamento del Programma PON GOV Cronicità nella convinzione che lo scambio di buone pratiche regionali sia un volano affinché l’impiego delle tecnologie digitali nella presa in carico dei pazienti cronici diventi patrimonio dell’intero Paese. Si tratta di provvedimenti importanti accomunati dall’obiettivo di garantire a tutti i cittadini equità di accesso alle cure, in particolare a chi è più fragile come i pazienti affetti da malattie croniche e rare”.

Questi pazienti vanno protetti “offrendo loro la possibilità concreta di accedere a cure e terapie adeguate in tempi congrui, di usufruire dell’assistenza domiciliare, dei servizi di telemedicina e di teleassistenza per garantire una qualità di vita migliore per loro, per le loro famiglie e per i loro caregiver”. 

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”

mercoledì 31 Gennaio – 2024

Carenza medici, neanche gli stranieri vogliono lavorare nella sanità in Sicilia