Oggi è giovedì 18 Aprile - 2024

Lo Stato dell’Arte della Diagnostica per Immagini nella Patologia Neurologica

“Il ruolo del radiologo negli ultimi anni è notevolmente cresciuto e si è arrivati alla super specializzazione, per cui la Neuroradiologia è una branca della Diagnostica per Immagini che si occupa appunto della patologia neurologica” ha spiegato Giuseppe Maria Vaccaro, Responsabile dell’Unità Operativa Dipartimentale di Neuroradiologia dell’Asp di Caltanissetta.

Ed era proprio questo infatti il tema dell’evento formativo svoltosi all’interno dell’Aula Magna del Consorzio Universitario nisseno nel pomeriggio di venerdì 9 giugno 2023.

Lo Stato dell’Arte della Diagnostica per Immagini nella Patologia Neurologica”, il titolo dell’appuntamento organizzato dalla Commissione dell’Albo dei Medici Chirurghi dell’OMCeO di Caltanissetta rivolto sia ai medici di medicina generale, che agli specialisti. Il Neuroradiolo Vaccaro ha aperto i lavori, intervenendo a seguito dei saluti del Presidente provinciale dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Caltanissetta Giovanni D’Ippolito, il quale nel suo discorso ha voluto anche ricordare il Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti dell’OMCeO nisseno Maurizio Reas, recentemente scomparso.

Il corso Ecm di aggiornamento e formazione è stato suddiviso in diversi momenti, una prima parte introduttiva è stata “dedicata alle apparecchiature, alle novità tecnologiche, alle sequenze che vengono eseguite durante l’esame, alle modalità di utilizzo del mezzo di contrasto– ha aggiunto il Responsabile dell’Unità Operativa Dipartimentale di Neuroradiologia dell’Asp nissena – e poi anche una parte innovativa che sono le sequenze, diciamo evolute, che sono le dvi, pvi e spettroscopia che danno qualcosina in più rispetto a quello a cui siamo abituati ad avere da una diagnostica. La spettroscopia è quasi un esame bioptico diciamo in vivo, la dvi è in grado di darci contezza, nel caso dell’ischemia, di una patologia ischemica acuta”.

L’ictus è stato un altro argomento trattato nel corso delle relazioni. “Come c’è sempre stata da anni la Emodinamica che appunto cura l’infarto miocardico in acuto, da qualche mese anche noi, con la Stroke Unit, abbiamo la possibilità di curare in iper acuto l’ictus- ha sottolineato il dott. Vaccaro- quindi bisogna anche dare un approccio anche divulgativo per sottolineare quali sono i sintomi precoci di un eventuale ictus e qual è la procedura da innescare nel caso di un sospetto ictus, perché è importantissimo non perdere tempo, infatti Caltanissetta fa parte come hub, quindi come nodo importante, della rete dell’ictus che è una rete tempo-dipendente. Caltanissetta diciamo è al servizio delle aree interne, quindi noi siamo hub per le città di Caltanissetta e provincia, Enna ed Agrigento”.

Attenzione rivolta anche alle patologie infiammatorie, tumorali e che riguardano il midollo spinale.
Una parte finale è stata incentrata sul confronto e dibattito durante la tavola rotonda che ha visto anche il coinvolgimento del Neurologo Michele Maria Vecchio e del Neurochirurgo Luigi Basile.

“Proprio perché quando si parla di patologie neurologiche non ci sono barriere ma si parla di Neuroscienze, dove tutti insieme -ha raccontato il Neuroradiologo Giuseppe Maria Vaccaro- si deve parlare la stessa lingua per arrivare nel modo migliore e nel breve tempo alla diagnosi, poi alla cura, che può essere medica e chirurgica e poi continuare a seguire il paziente anche nel post acuto, quindi con riabilitazione. Questo è diciamo l’obiettivo – ha affermato in conclusione- direi ambizioso ma indispensabile”.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

giovedì 18 Aprile – 2024

Numero unico di emergenza 112: successo per la campagna informativa della Seus rivolta agli studenti

martedì 16 Aprile – 2024

Def, Gimbe: “Nel 2024 aumento illusorio della spesa sanitaria”

domenica 14 Aprile – 2024

Certificati medici nella tutela degli infortuni sul lavoro: intesa tra Omceo Catania, UniCt e Inail

venerdì 5 Aprile – 2024

Risk management, Mannone: “Fondamentale per la qualità dell’assistenza sanitaria” CLICCA PER IL VIDEO