Oggi è domenica 14 Luglio - 2024

Disturbi alimentari, l’Asp di Ragusa istituisce un team multidisciplinare per la presa in carico dei pazienti

domenica 31 Dicembre - 2023 | di Anna Boccia | Categorie: News ed eventi

L’Asp di Ragusa mette in campo un team multiprofessionale per occuparsi dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione.

Questi disturbi, nel periodo post-Covid, hanno fatto registrare un notevole incremento. Secondo i dati forniti dal Ministero della Salute, si è passati dai 680 mila casi censiti nel 2019 a quasi un milione a mezzo diagnosticati nel 2022. La patologia più diffusa, che colpisce in prevalenza la fascia d’età 13-25 anni, è l’anoressia nervosa.

Il percorso

Il Dipartimento di Salute Mentale, diretto da Pino Morando, ha mobilitato i vari professionisti dell’Azienda per la realizzazione di una procedura che ha lo scopo di definire percorsi assistenziali per i minori (0-17 anni) e per i giovani adulti (dai 18 anni in su) affetti da disturbi della nutrizione e dell’alimentazione (Dna), attraverso la creazione di una rete assistenziale integrata. Essa prevede una forma di collaborazione interdipartimentale e di integrazione fra servizi ambulatoriali e ospedalieri dell’Asp.

Sono coinvolti, a vario titolo, il Dipartimento di Salute Mentale (Unità di Neuropsichiatria, Sert e Unità di Psichiatria), l’Ambulatorio per l’obesità infantile, il Dipartimento Materno-Infantile (U.O.C. Pediatria ospedaliera) e il Dipartimento di Medicina Interna.

L’accesso

 

L’accesso al servizio messo a disposizione dall’ASP potrà avvenire da numerosi canali, come il medico di famiglia o il pediatra, il Pronto soccorso con l’attivazione del “Codice Lilla”, attraverso i medici internisti.

A conclusione del percorso diagnostico, attivato mediante una serie di esami e valutazioni sotto il profilo nutrizionale, psicologico e psichiatrico, il team multiprofessionale dell’ASP prenderà in carico il paziente per stabilire, con il coinvolgimento della famiglia, il piano terapeutico ritenuto più idoneo, in base al grado di gravità, dipendente dalle condizioni fisiche, psicologiche e familiari del paziente.

La scelta

“Si tratta di un’assoluta novità nel panorama regionale – spiega Morando -. L’Asp mette in campo una équipe multiprofessionale in grado di affrontare una problematica complessa e per molti versi preoccupanti. Inoltre terremo due giorni di formazione con il gruppo coordinato dal prof. Mendolicchio, uno dei massimi esperti in materia di disturbi alimentari, nonché responsabile clinico di diverse strutture assistenziali che se ne occupano”.  

 

Il Commissario dell’Asp di Ragusa, Fabrizio Russo, sottolinea che “attivare un percorso multidisciplinare per la presa in carico, attraverso la diffusione e l’adozione di linee guida ben definite, rappresenta uno snodo facilitatore che l’ASP mette a disposizione delle famiglie. L’obiettivo è duplice: individuare il problema sin dai primi sintomi, allo scopo di garantire una migliore qualità della vita ai pazienti; abbattere i costi di ospedalizzazione che derivano dall’insorgere di queste patologie”.    

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 10 Luglio – 2024

Assistenza territoriale, Croce: “Telemedicina fondamentale tanto quanto la presenza fisica del medico” CLICCA PER IL VIDEO

mercoledì 10 Luglio – 2024

Patologie della tiroide, Casile: “L’ecografia deve eseguirla l’endocrinologo” CLICCA PER IL VIDEO

lunedì 8 Luglio – 2024

Pronto soccorso nelle cliniche private mentre il pubblico collassa tra medici tappabuchi e ricoveri fantasma CLICCA PER IL VIDEO

domenica 30 Giugno – 2024

Salute riproduttiva: Palermo sarà protagonista a livello nazionale, accordo col Ministero