Oggi è mercoledì 22 Maggio - 2024

Cefalea cronica invalidante, 10mln di euro per i progetti regionali: le linee d’indirizzo

domenica 23 Luglio - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: Lavoro, News ed eventi, Salute

Dieci milioni di euro allo scopo di migliorare la presa in carico dei cittadini che soffrono di forme invalidanti di cefalea cronica. 

Il decreto è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale con le  “Linee di indirizzo per la realizzazione dei progetti regionali finalizzati a sperimentare metodi innovativi di presa in carico delle persone affette da cefalea primaria cornica”. Consentirà, inoltre, alle Regioni di attivare progetti di presa in carico dei pazienti.

La cefalea

Per l’OMS è al secondo posto fra tutte le malattie che causano disabilità (GBD 2017) e come prima causa di disabilità in soggetti di età inferiore a cinquant’anni, facendo riferimento alle valutazioni del Global burden disease.
Inoltre, secondo il parametro YLDs (Years lived with disability – anni vissuti con disabilità) la cefalea occupa il secondo posto, dopo la lombalgia, della classifica delle dieci malattie a più elevata disabilità nel mondo ed in Italia, per tutte le classi di età ed in entrambi i sessi (Vos et al., 2017).

La legge ed il decreto

La cefalea primaria cronica è stata riconosciuta in Italia come malattia sociale dalla legge n 81 del 14 luglio 2020, e questo decreto ne dà, appunto, attuazione, a tre anni dalla legge.
Sul piatto ci sono quindi 10 milioni di euro (5 per il 2023 e 5 per il 2024) che le Regioni potranno spendere per realizzare progetti che prevedano metodi innovativi di presa in carico delle persone che soffrono di cefalea primaria cronica.
I beneficiari dei progetti devono essere in possesso di una diagnosi di cefelea cronica da almeno un anno, effettuata da uno specialista del settore presso un centro accreditato per la diagnosi e la cura delle cefalee, che ne attesti l’effetto invalidante.

Le linee per i progetti 

Le Regioni sono invitate a sviluppare dei progetti volti a migliorare la presa in carico delle persone affette dalle forme di cefalea prima cronica al fine di raggiungere i seguenti obiettivi:

  •  avviare/implementare, a   livello   regionale,   dei   modelli innovativi di presa in carico dei pazienti mediante lo sviluppo di percorsi integrati di diagnosi e cura al fine di strutturare una rete di collaborazione tra i diversi professionisti (specialista del centro cefalea di II livello, specialista ambulatoriale, medico di medicina generale, medici di pronto soccorso, etc.);
  • prevedere/implementare il coinvolgimento di specialisti di altre discipline da inserire nel percorso di cura in relazione alle necessita’ del paziente (Medici ginecologi, Psicologi, etc.);
  • realizzare specifici corsi di formazione per il personale sanitario;
  • promuovere gli eventi di informazione e di orientamento per i cittadini;
  • sostenere la ricerca del settore.

CLICCA QUI PER IL DOCUMENTO

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 15 Maggio – 2024

Crediti bonus per chi si forma sui vaccini: la delibera della Commissione Ecm

martedì 7 Maggio – 2024

Asp Ragusa assume: al via concorso per la selezione di 85 dirigenti medici a tempo indeterminato

martedì 30 Aprile – 2024

Pmrr Missione Salute, Gimbe: “Rispettate scadenze Ue del 1° trimestre 2024, ma Sicilia fanalino di coda”

mercoledì 24 Aprile – 2024

Colpa medica e depenalizzazione, qualcosa si muove. Amato: “Maggiore prudenza nel denunciare” CLICCA PER IL VIDEO