Oggi è giovedì 22 Febbraio - 2024

Cambio di guardia all’UTIC del Civico di Palermo: Smecca è il nuovo primario

martedì 6 Giugno - 2023 | di Anna Boccia | Categorie: News ed eventi

È Ignazio Maria Smecca, 56 anni, il nuovo primario della Unità operativa complessa di Utic, Unità Terapia intensiva cardiologica dell’Ospedale Civico di Palermo.

“Sono onorato di aver ricevuto l’opportunità di dirigere una unità operativa di grande prestigio – dice-. Rringrazio la direzione aziendale e il direttore generale Roberto Colletti, per la fiducia. La struttura per cui sono stato scelto come primario è inserita nell’ambito del dipartimento Cardiovascolare, diretto dal professore Francesco Talarico e rappresenta un reparto centrale nella rete per l’emergenza cardiovascolare. Uno dei principali obiettivi sarà quello di incrementare l’attività di cardiologia interventistica per la gestione dei casi clinici complessi. Il mio impegno sarà anche quello di abbattere le liste d’attesa, promuovere l’attività di ricerca e di formazione, oltre a sviluppare l’impiego di nuove tecnologie nella cura dei pazienti con malattie cardiovascolari”.

Chi è Ignazio Maria Smecca?

Ha una lunga esperienza come cardiologo intensivista ed è già responsabile dell’Unità operativa semplice di Terapia intensiva cardiologica da diversi anni al Civico. Oltre alla sua pratica clinica è docente presso il Cefpas, centro di formazione regionale per il personale sanitario. È stato nel board dell’area Emergenza-Urgenza dell’Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri. È autore di numerose pubblicazioni e responsabile scientifico di vari eventi.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

giovedì 22 Febbraio – 2024

Asp Catania: firma del contratto per 300 operatori

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”