Oggi è martedì 25 Giugno - 2024

Asp Agrigento, CIMO: “Gravi carenze nella gestione e nel personale”

domenica 26 Marzo - 2023 | di Anna Boccia | Categorie: News ed eventi

Si è svolta giovedì 23 marzo scorso, presso l’Aula Formazione dell’Ospedale S. Giovanni di Dio, l’assemblea degli iscritti CIMO (Confederazione Italiana Medici Ospedalieri) dell’ASP di Agrigento

Alla presenza del segretario aziendale, Dottoressa Rosetta Vaccaro, del segretario regionale Giuseppe Bonsignore, del segretario regionale amministrativo Renato Passalacqua e del presidente federale CIMO-Fesmed della Sicilia Riccardo Spampinato, si è svolto un interessante dibattito sulle più rilevanti criticità presenti all’ASP di Agrigento.

Nel corso dell’assemblea, è intervenuto il legale di riferimento di CIMO Agrigento, Avv. Gaetano Mattina, che ha illustrato alla platea degli iscritti quanto fatto finora sotto il profilo legale, viste le mancate risposte dei vertici aziendali alle richieste sindacali.

 “In attesa di riscontro all’esposto inviato all’Ispettorato Regionale del Lavoro, all’Assessorato Regionale della Salute e all’Assessorato Regionale del Lavoro, sul mancato rispetto delle norme di Legge e contrattuali in materia di orario di lavoro, di giusto riposo e di mobilità d’urgenza, impropriamente adoperata dall’ASP di Agrigento – dichiara Giuseppe Bonsignore– si è posta sul tappeto l’ipotesi di un esposto alla Procura della Repubblica per il comportamento omissivo dei vertici dell’ASP in merito alle politiche per il reclutamento del personale, che valuteremo nel breve periodo”.

“Da troppo tempo – afferma Riccardo Spampinato– i medici di varie Unità Operative vengono sottoposti a vere e proprie vessazioni che vanno a detrimento della vita sociale e familiare di ognuno di loro, visto che non hanno più giorni di ferie e o riposi e, soprattutto, in virtù del fatto che vengono raggiunti da provvedimenti di mobilità quasi settimanalmente, attraverso i quali sono costretti a sobbarcarsi 50 km per andare a lavorare presso strutture diverse da quella di appartenenza a causa della cronica carenza di personale che l’ASP non riesce o non vuole a sanare”.

 “Purtroppo fino ad oggi – conclude Bonsignore – sia l’Ispettorato del Lavoro che gli Assessorati coinvolti da CIMO hanno fatto orecchio da mercante, non fornendo alcuna risposta e non impartendo i dovuti input ai vertici di un’Azienda Sanitaria che appare oggi letteralmente allo sbando. Forse sarebbe il caso di pensare all’invio di un Commissario ad acta all’ASP di Agrigento che riesca finalmente a sbloccare le procedure di reclutamento e a inviare i vincitori di concorso laddove veramente esistono le carenze e non dove fa più comodo e magari in soprannumero”.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

lunedì 24 Giugno – 2024

Abusivismo professionale e salute pubblica: gli odontoiatri di Palermo incontrano i Nas

venerdì 21 Giugno – 2024

Asp Enna: al via il reclutamento di medici in quiescenza

venerdì 21 Giugno – 2024

Sicurezza sul lavoro e prevenzione dei rischi, A Catania si alza il livello di attenzione

giovedì 20 Giugno – 2024

Carriera Medica nel Ssn, Amato: “Dobbiamo lavorare per conservare la vocazione” CLICCA PER IL VIDEO