Oggi è lunedì 26 Febbraio - 2024

118, il Coordinamento Unico del Servizio di Elisoccorso CLICCA PER IL VIDEO

lunedì 22 Maggio - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: News ed eventi, Video

Torniamo a parlare del Servizio Sanitario di Urgenza ed Emergenza Medica, questa volta di C.U.S.E..

L’acronimo sta per: Coordinamento Unico del Servizio di Elisoccorso 118 della Regione Sicilia. Si occupa della Gestione e coordinamento della richiesta di Soccorso Sanitario di Emergenza/Urgenza negli ambiti territoriali di competenza.

In Sicilia, spiega il dottor Marco Palmeri, Dirigente Medico 118, la centrale è situata dentro quella del 118 all’’ARNAS Civico di Palermo.

Il C.U.S.E. si occupa di:

  • gestione e coordinamento sanitario nelle macro/maxi-emergenze e nelle catastrofi;

  • gestione sanitaria dei piani di emergenza aeroportuali e marittimi;

  • raccordo con istituzioni come Protezione civile, Prefetture, Forze dell’ordine,Vigili del fuoco, Dipartimenti ASP;

  • organizzazione e trasferimenti nel trapianto d’organo (organi ed equipe);

  • sistema di difesa civile regionale NBCR (maxiemergenze non convenzionali);

  • coordinamento nel trasporto in emergenza neonatale (STENe assistito materno (STAM).

Sugli elicotteri del 118 operano medici specialisti in anestesia e rianimazione e personale infermieristico esperto in medicina critica che abbiano effettuato almeno 5 anni di esperienza sul campo. Il Servizio si occupa anche della formazione e dell’aggiornamento del personale sanitario sia in merito alla definizione delle relative linee guida, che della sicurezza in volo.

 

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

giovedì 22 Febbraio – 2024

Asp Catania: firma del contratto per 300 operatori

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”