Oggi è martedì 31 Gennaio - 2023

Sanità, il sistema privato precede quello pubblico: i dati Agenas-Aiop

domenica 4 Dicembre - 2022 | di Anna Boccia | Categorie: Lavoro, News ed eventi
Il sistema privato precede quello pubblico, con alcune eccezioni. È questa la fotografia sullo stato di salute del sistema sanitario nazionale, secondo il “rapporto sulla qualità degli outcome clinici negli ospedali italiani”, realizzato da Agenas– l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali- e da Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata. Il documento analizza i dati del 2021 raccolti dal Programma nazionale esiti, e suggella la collaborazione pluriennale tra l’organo tecnico-scientifico del Servizio sanitario nazionale e l’organizzazione delle case di cura private.
Obiettivo, procedere a una valutazione delle prestazioni delle strutture ospedaliere, evidenziandone punti di forza e carenze per quanto riguarda l’efficacia, l’appropriatezza, l’equità di accesso e la sicurezza delle cure garantite dal Sistema sanitario nazionale, prendendo in esame sette aree cliniche: sistema cardiocircolatorio, sistema nervoso, sistema respiratorio, chirurgia generale, chirurgia oncologica, gravidanza e parto e sistema osteomuscolare.
Dal rapporto emerge uno scenario dominato dall’assenza di valori medi, dove a numerose situazioni di eccellenza si contrappongono contesti sanitari di qualità bassa o molto bassa, tanto nel settore pubblico quanto in quello privato. Quest’ultimo però svetta per quanto concerne il sistema cardiocircolatorio, dove il 65% delle cliniche private riporta un elevato livello di aderenza agli standard di qualità, a fronte del 47% delle strutture pubbliche. Discorso analogo per l’area nervosa, dove gli ospedali statali che offrono un’assistenza di livello basso o molto basso sono uno su cinque, il doppio dei privati. Quanto alla chirurgia generale e a quella oncologica le prestazioni sono sovrapponibili, mentre il pubblico affonda nel settore respiratorio (14% contro 56% di livelli sopra la media), ottenendo però la sua riscossa nella branca gravidanza e parto, dove il 47% delle sue strutture fa segnare risultati eccellenti a fronte di performance private al di sotto della sufficienza in più di un caso su due.
“È fondamentale che un ente terzo come quello che rappresento possa misurare in termini oggettivi la qualità del Sistema sanitario italiano– ha commentato il direttore generale di Agenas, Domenico Mantoan-. La sanità è finalmente tornata al centro del dibattito pubblico e dell’azione di governo, le risorse ci sono. Basti pensare che nella bozza della nuova legge di bilancio sono previsti stanziamenti per due miliardi. Il problema è che mancano medici e professionisti, e questa tendenza non sarà invertita prima di almeno un paio di anni, durante i quali verranno presumibilmente erogati nuovi fondi. Se si tolgono i tetti di spesa i manager pubblici dovranno essere valutati come quelli privati. Pensiamo alle liste di attesa interminabili: il cittadino, stremato, spesso ricorre al privato”.
Mantoan ha poi fatto il punto sulle nuove priorità da sviluppare in entrambi gli ambiti, individuando nella telemedicina e nel teleconsulto la nuova frontiera, soprattutto per quanto riguarda la cura delle patologie croniche.
“Non si tratta di fare una gara- sottolinea la presidente di Aiop Barbara Cittadini-, l’aspetto più importante che emerge da questo studio è la volontà di costruire un sistema di formazione degli operatori sanitari- medici e non- che accresca le prestazioni cliniche del sistema nazionale nella sua globalità. L’obiettivo è garantire ai cittadini prestazioni di qualità sia in ambito privato che pubblico“.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

venerdì 27 Gennaio – 2023

Responsabilità medica: all’Omceo Enna tutto sulla tutela civile e penale del professionista

venerdì 27 Gennaio – 2023

Vaccini, al via il nuovo Piano: medici di famiglia e farmacisti attori principali

venerdì 27 Gennaio – 2023

Policlinico Palermo, da febbraio 11 infermieri in più

mercoledì 25 Gennaio – 2023

Aggressioni medici, in Sicilia 20 casi nel 2022. La Mantia: “Serve Tavolo tecnico. Governo intervenga”