Oggi è lunedì 26 Febbraio - 2024

Policlinico Palermo assume nuove figure sanitarie e amministrative: ecco i bandi

sabato 18 Febbraio - 2023 | di Anna Boccia | Categorie: Lavoro

L’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo pronta ad assumere per colmare i vuoti e ridurre i tempi delle prestazioni.

E’ questo l’obiettivo del Commissario Straordinario Salvatore Iacolino che ha annunciato l’arrivo di nuovi bandi per assunzioni e incarichi, e un avviso di ricognizione del personale in possesso dei requisiti previsti per la stabilizzazione.

Ciò permetterà all’azienda di  garantire tutte le attività, sia nell’area sanitaria che in quella amministrativa.

“E’ un’esigenza avvertita per far fronte alla carenza personale che interessa il “Paolo Giaccone” – commenta il Commissario Straordinario dell’Azienda ospedaliera universitaria, Salvatore Iacolino -. L’obiettivo è quello di erogare le prestazioni sanitarie con tempestività riducendo i ritardi, e far fronte alle esigenze collegate ai fondi per il PNRR”. 

Tre diverse selezioni prevedono l’assunzione a tempo indeterminato di sei medici: 2 radiologi per la radiologia interventistica, 1 chirurgo pediatrico, 2 pediatri da assegnare alla neonatologia con nido e terapia intensiva neonatale, 1 anatomo patologo.

Due bandi riguardano la selezione pubblica per titoli e colloquio per l’attivazione di una graduatoria, a tempo pieno e determinato, di operatore socio sanitario (categoria bs) e di infermieri (categoria D) per l’attribuzione di incarichi o supplenze, mentre dal primo marzo saranno immessi in servizio, per un anno, 17 infermieri inseriti in una graduatoria dello scorso anno, e un cardiochirurgo che sarà in servizio fino al prossimo 31 dicembre.

Iacolino ha anche firmato un nuovo avviso pubblico per la ricognizione del personale in possesso dei requisiti previsti per la stabilizzazione. L’avviso è rivolto a coloro che abbiano maturato, al 31 dicembre 2022, almeno 3 anni di servizio presso la pubblica amministrazione, secondo le previsioni del decreto legislativo 75/2017 (Legge Madia).  Le manifestazioni di interesse dovranno pervenire entro 30 giorni dalla pubblicazione del bando. Con le precedenti procedure sono stati già stabilizzati 234 operatori del comparto (infermieri, oss, tecnici di laboratorio, tecnici radiologi, tecnici audiometristi, tecnici di neurofisiopatologia), 61 medici, 2 biologi, 3 farmacisti, 1 dirigente amministrativo e 1 dirigente analista.

L’Azienda ha, inoltre, messo a concorso 6 posti di dirigente amministrativo, di cui due riservati a personale interno, e contestualmente ha revocato il bando indetto nel 2021 per la formazione di una graduatoria per l’attribuzione di incarichi a tempo determinato, e autorizzato una procedura di mobilità per il trasferimento presso l’AOUP di altre due unità di personale dirigenziale amministrativo.

Tutti gli avvisi sono pubblicati sul sito dell’Azienda ospedaliera universitaria, www.policlinico.pa.it, nella sezione “Concorsi in itinere” e su InPa, il portale del reclutamento Dipartimento della Funzione pubblica.

 Nel frattempo, sono state costituite le Commissioni incaricate delle procedure concorsuali per assumere 3 coadiutori amministrativi (categoria B); 7 assistenti amministrativi (categoria C); 7 collaboratori amministrativi professionali (categoria D); 4 assistenti tecnici informatici (categoria C); 1 collaboratore tecnico professionale ingegnere civile (categoriaD).

Si è conclusa invece la selezione interna per il conferimento della responsabilità dell’unità operativa semplice di emergenza – urgenza intraospedaliera che è stata affidata a Francesco Conte per i prossimi cinque anni.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

giovedì 22 Febbraio – 2024

Asp Catania: firma del contratto per 300 operatori

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”