Oggi è martedì 20 Febbraio - 2024

L’intelligenza artificiale predice il rischio cardiaco: ecco la nuova tecnologia

venerdì 2 Dicembre - 2022 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: Innovazione

La tecnologia fa passi da gigante nella medicina. Da oggi vi è un nuovo strumento che, tramite l’intelligenza artificiale del deep learning, stima accuratamente il rischio di andare incontro ad eventi cardiovascolari nei 10 anni successivi.

A presentare la nuova tecnologia al meeting della Società Americana di Radiologia (Radiological Society of North America RSNA) è stato Jakob Weiss, del Massachusetts General Hospital e Brigham and Women’s Hospital di Boston.

Gli studiosi hanno prima programmato il loro strumento su un campione di oltre 40 mila individui e oltre 141 mila lastre al torace; poi hanno confermato la validità e accuratezza dello strumento su un campione indipendente di 11 mila individui sottoposti alla lastra.

Per stabilire il rischio di eventi cardiovascolari di un individuo, si tiene conto di tanti fattori: sesso, età, fattori di rischio come ipertensione, diabete, sovrappeso e il vizio del fumo.

Questi fattori permettono allo specialista di stabilire se dare o meno terapie preventive come le statine per ridurre il rischio di eventi come infarto e ictus. Oggi, con una semplice lastra al torace, l’intelligenza artificiale, in pochissimo tempo, stima con elevata accuratezza il rischio cardiovascolare di un individuo.

Per Jakob Weiss e il suo team,  valutando l’accuratezza del metodo, sostengono che il metodo dovrebbe entrare nella pratica clinica di routine.

CLICCA QUI PER LO STUDIO

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

mercoledì 14 Febbraio – 2024

Odontoiatria, Sammarco: “Microscopi fondamentali per la professione. Serve formazione”

lunedì 12 Febbraio – 2024

Carenza di medici, Asp Trapani avvia iter per potenziare gli organici: ecco tutti i bandi

giovedì 1 Febbraio – 2024

Manager della sanità siciliana: “Dovranno rispondere alle necessità che al debito di legge”

mercoledì 31 Gennaio – 2024

Carenza medici, neanche gli stranieri vogliono lavorare nella sanità in Sicilia