Oggi è sabato 22 Giugno - 2024

Scuola formazione Medicina generale, Galvano: “Gestione a Omceo siciliani scelta strategica”

martedì 21 Marzo - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: Formazione, Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Palermo

Il Segretario generale regionale della FIMMG, Luigi Galvano, interviene su alcune critiche piovute sull’Assessore della Salute Giovanna Volo.

Gestione Scuola di formazione in Medicina generale agli Ordini dei medici siciliani

Secondo il mio parere tale scelta non è dovuta, né voleva esprimere un giudizio negativo sul CEFPAS come ente formatore in sanità della regione Sicilia, quanto per il fatto che la Medicina generale, che fa parte della più articolata medicina delle Cure primarie e territoriali, trova nell’Ordine dei Medici (ormai Ente sussidiario dello stato) il soggetto che più di tutti ha una scambio biunivoco e continuo con il territorio e ciò per quelli che sono i suoi fini istituzionali e la complessità del territorio stesso“.

Infatti l’Ordine ospita stabilmente tutta una serie di commissioni mediche espressioni di più componenti del tessuto professionale, lo Sportello giovani che è organismo di congiunzione fra i giovani neolaureati e la professione sia nelle fase recettiva che in quella divulgativa ed esplicativa  per le problematiche dei giovani quando si affacciano alla Professione. Basti pensare che siamo alla 17° edizione di un convegno dove sono previsti dei seminari formativi dove Università ed ordine incontrano a 360° i giovani. Ancora l’Ordine stabilisce rapporti stabili e organici con le altre professioni sanitario attraverso convegni e corsi in un visione olistica della sanità“.

Carenza medici

Ancora secondo l’art. 9 del Decreto Legge “Semplificazioni” n. 135/18, dal 2019 è prevista al comma 1 la possibilità di assumere un incarico di cui all’Accordo Collettivo Nazionale della (ACN) Medicina Generale.“Fino al ((31 dicembre 2024)), in relazione alla contingente carenza dei medici di medicina generale, nelle more di una revisione complessiva del relativo sistema di formazione specifica, i laureati in medicina e chirurgia abilitati all’esercizio professionale, iscritti al corso di formazione specifica in medicina generale, possono partecipare all’assegnazione degli incarichi convenzionali, rimessi all’accordo collettivo nazionale nell’ambito della disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale””.

Perché è una scelta strategica?

“Secondo quanto stabilito dall’ACN vigente, i Medici in Formazione Specifica in Medicina Generale possono assumere incarichi durante l’espletamento a tempo determinato (come provvisori o sostituti) e incarichi di titolarità, definiti “temporanei”, nelle more del raggiungimento del titolo di Diploma di Formazione Specifica in Medicina Generale. Stante quanto sopra, chi più dell’Ordine professione più fare da catena di trasmissione fra le esigenze del territorio e la Scuola che deve formare proprio i medici in modo tale che possano essere  pronti a dare risposte appropriate al Territorio? Se poi pensiamo alla Prossima e imminente riforma del Cure primaria per mezzo del PNRR tale scelta assume ancor maggiore valore e può essere considerata strategica“.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

venerdì 21 Giugno – 2024

Asp Enna: al via il reclutamento di medici in quiescenza

venerdì 21 Giugno – 2024

Sicurezza sul lavoro e prevenzione dei rischi, A Catania si alza il livello di attenzione

giovedì 20 Giugno – 2024

Carriera Medica nel Ssn, Amato: “Dobbiamo lavorare per conservare la vocazione” CLICCA PER IL VIDEO

giovedì 20 Giugno – 2024

Sanità e autonomia differenziata, Cgil: “Subito assunzioni e rafforzare la medicina territoriale” CLICCA PER IL VIDEO