Oggi è martedì 23 Luglio - 2024

Sclerosi multipla, nuovo farmaco previene l’atrofia celebrale e limita la disabilità

mercoledì 8 Novembre - 2023 | di Giorgia Görner Enrile | Categorie: Articoli

La sclerosi multipla in Italia colpisce oltre 137mila pazienti. In Sicilia, gli assistiti per questa patologia sono oltre 6.000, ma si stima che, in realtà, siano circo 8.000 , ai quali si aggiungono, ogni anno, circa 200 nuovi casi.

Da pochissimo degli studi hanno dimostrato che una nuova terapia orale, Ozanimod,  è in grado di prevenire l’atrofia celebrale, una delle conseguenze più nefaste della patologia. I studi, difatti, riportano che la riduzione della perdita di volume celebrale, rispetto all’interferone Beta 1a, è del 30%. In questo modo è possibile limitare un danno d’organo irreversibile e limitare la disabilità.

La patologia

La sclerosi multipla è una patologia autoimmune in cui il sistema immunitario attacca la guaina mielinica che ricopre i nervi. Nella forma recidivante-remittente, la più frequente al momento della diagnosi, si distingue per l’alternanza di fasi, della durata imprevedibile. Può inoltre associarsi un’infiammazione interna al sistema nervoso centrale che è talora associata a deficit cognitivi.

L’instaurarsi del deterioramento cognitivo “è correlato all’atrofia cerebrale che nel paziente con sclerosi multipla risulta accelerata rispetto a quella indotta dai normali processi fisiologici legati all’invecchiamento – spiega Matilde Inglese, responsabile Centro Sclerosi Multipla, Irccs Ospedale Policlinico San Martino, Genova -. La perdita di volume del cervello è dovuta sia al processo infiammatorio che a quello degenerativo che si instaura fin dalle fasi precoci della malattia. Si tratta di un fenomeno estremamente pericoloso e dal quale non si può tornare indietro, è perciò indispensabile agire precocemente con trattamenti in grado di rallentare questo processo così da ottenere vantaggi molto importanti sia in termini clinici che di riduzione della disabilità motoria e cognitiva”.

La nuova terapia

L’Ozanimod è indicato per il trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente in fase attiva, che rappresenta circa l’85% di tutti i casi.

Secondo una analisi preliminare dello studio Enlighten ancora in corso, il 47% dei pazienti con malattia recidivante, dopo un anno di trattamento, ha ottenuto un miglioramento clinico significativo delle funzioni cognitive.

Gli ultimi dati a otto anni di trattamento evidenziano come il 76% dei pazienti non abbia avuto una progressione della disabilità e l’87% non presenta attività di progressione indipendente dalle recidive. Questi fattori sono indicatori della progressione della sclerosi multipla e della conseguente disabilità permanente.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

lunedì 22 Luglio – 2024

Medico aggredito in provincia di Enna, l’Omceo si costituisce parte civile

sabato 20 Luglio – 2024

Gestione dello stress in corsia, Di Marco: “Fare briefing e confessare gli errori” CLICCA PER IL VIDEO

mercoledì 17 Luglio – 2024

Lea 2022, Sicilia bocciata per cure e assistenza sanitaria CLICCA PER IL VIDEO

mercoledì 10 Luglio – 2024

Assistenza territoriale, Croce: “Telemedicina fondamentale tanto quanto la presenza fisica del medico” CLICCA PER IL VIDEO