Oggi è martedì 23 Luglio - 2024

Donna aggredisce infermiera, condannata. Omceo Palermo: “Sentenza esemplare”

martedì 25 Ottobre - 2022 | di Anna Boccia | Categorie: Articoli, Leggi e normative, Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Palermo

La Corte di cassazione ha condannato (con sentenza n.39320) a otto mesi di reclusione, sospesa condizionalmente, una donna che aveva schiaffeggiato un’infermiera.

Il fatto

La vittima è stata colpita dopo aver invitato il familiare di un paziente a lasciare la stanza del congiunto poiché fuori dell’orario di visita. La donna, dopo aver rincorso l’infermiera l’ha colpita al volto, provocando una lesione al padiglione auricolare.

“Una sentenza esemplare arrivata dopo la denuncia dell’infermiera che potrebbe arginare la spirale di violenza contro i sanitari ed essere una linfa per chi non denuncia. L’Inail ha segnalato 2.500 denunce all’anno di infortuni sul lavoro per atti di violenza ma a denunciare, secondo l’Anaoo, sono circa 78% degli aggrediti” ha detto il presidente dell’Omceo di Palermo Toti Amato, consigliere Fnomceo.

“La fermezza delle motivazioni – ha proseguito il presidente – oggi costituiscono il presupposto del riconoscimento del valore della professione di tutti i sanitari,  che possono garantire salute solo nel rispetto dell’esercizio delle loro funzioni e dei ruoli, con ‘tolleranza zero’ per qualsiasi atto violento”.

L’Alta Corte, infatti, ha condannato la donna, oltre che per lesioni personali, anche per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio, spiegando che “affinché venga integrata la fattispecie di resistenza a pubblico ufficiale, non è necessario che sia concretamente impedita la libertà di azione del pubblico ufficiale. E perciò punibile con la reclusione da sei mesi a cinque anni”.

“Una risposta netta alle disposizioni della legge113/2020. Perché ‘Nessun paese, ospedale o clinica può proteggere i propri pazienti a meno che non mantenga i propri operatori sanitari al sicuro’” ha concluso Amato, richiamando un principio inderogabile dell’Oms.

Sicilia Medica

Tivù

Parola

d’impresa

lunedì 22 Luglio – 2024

Medico aggredito in provincia di Enna, l’Omceo si costituisce parte civile

sabato 20 Luglio – 2024

Gestione dello stress in corsia, Di Marco: “Fare briefing e confessare gli errori” CLICCA PER IL VIDEO

mercoledì 17 Luglio – 2024

Lea 2022, Sicilia bocciata per cure e assistenza sanitaria CLICCA PER IL VIDEO

mercoledì 10 Luglio – 2024

Assistenza territoriale, Croce: “Telemedicina fondamentale tanto quanto la presenza fisica del medico” CLICCA PER IL VIDEO